Il ponte sul mare più lungo del mondo collega Macao alla Cina

Postato alle 3 mesi fa in Scienza & tecnologia. 109 Visualizzazioni

Dopo otto anni di lavoro e molti miliardi investiti, è pronto a essere inaugurato il ponte più lungo al mondo (sul mare)

Il ponte sul mare più lungo del mondo collega Macao alla Cina

Nuovo ponte da record in Cina. Ben 55 km sul mare, collegando tre città e riducendo i tempi di percorrenza del 75%. Gli ostacoli burocratici però smorzano l’entusiasmo.

La Cina prosegue la propria fiorente tradizione di incredibili ponti. Dopo otto anni di lavori, sta per essere inaugurato ufficialmente il nuovo ponte più lungo mai realizzato sul mare. Battuto, e non di poco, il precedente detentore, che aprì al traffico nel 2008, nella baia di Hangzhou, ovvero l’Hangzhou Bay Bridge, lungo 36 km.

Guardando alla lunghezza del progetto, le cifre stavolta sono ben altre, dal momento che si parla di 55 chilometri. Sono serviti otto anni per realizzarlo, con un totale di 20 miliardi di dollari investiti. Un progetto maestoso, che prevede sei chilometri di tunnel sottomarino. Data la grande distanza coperta, è stato necessario realizzare delle isole artificiali (tre in totale) per gli snodi del ponte. Questo consentirà un collegamento ben più agevole tra Hong Kong e Macao, passando per Zhuhai, nella Cina continentale.

L’apertura è ormai imminente, avverrà nei prossimi mesi, con un impatto incredibile in quell’area. Allo stato attuale, non potendo ancora sfruttare l’immane struttura, sono necessarie ben tre ore per coprire la distanza interessata dal ponte. Ai cittadini verrà offerto un risparmio di due ore e trenta, con soli 30 minuti in media per la percorrenza dell’intero tratto asfaltato.

Lo studio sottolinea come il ponte possa garantire una durata di 120 anni, andando a coprire un’area che vede 60 milioni di abitanti. Una struttura del genere, sospesa sul mare, non può però ignorare i rischi sismici, soprattutto in Oriente, tartassato dai terremoti. Il ponte è stato ideato per riuscire a resistere a scosse di 8 gradi della scala Richter.

Restano in piedi però alcune problematiche burocratiche, non di poco conto. Chiunque volesse attraversare il nuovo ponte da record infatti dovrebbe ottenere i necessari permessi. Si tratta di tre documenti, rilasciati da tre governi differenti, quello di Hong Kong, di Macao e della Cina continentale. Allo stato attuale sarebbe necessario anche procurarsi una speciale assicurazione, unicamente per quel lungo tratto da percorrere, registrando i propri documenti nella città di Zhuhai. Un lungo processo, di ben 12 giorni lavorativi, che si spera possa essere annullato con un accordo tra le parti.

Residente in Italia

Sviluppatore del sito www.happysocial.it