Napoli, arriva la caffetteria ambulante dove la tazzulella si fa con la cùccuma

L’idea è venuta a Giuseppe Schisano, un ragazzo cresciuto nei Quartieri Spagnoli che voleva diventare imprenditore di se stesso. Con il caffè offre anche la tipica sfogliatella

.

Una caffetteria ambulante dove preparare unatazzulellaproprio come vuole la tradizione. Lidea gli venuta mentre lavorava occasionalmente e in nero, nella sua Napoli:Giuseppe Schisano, classe 1993, ne aveva abbastanza di quelle dinamiche, e voleva diventare un imprenditore di se stesso. Ma come poteva riuscirci un ragazzo cresciuto dalla mamma (rimasta vedova, con quattro figli, quando lui aveva 13 anni) nei Quartieri Spagnoli, con tanta creativit, ma pochi soldi e nessuna garanzia?

Il progetto con la cccuma

Ce lha fatta grazie allaiuto ricevuto dallassociazioneIF, Imparare-faredi Marco Rossi-Doria: con un Prestito della speranza della Caritas, per un totale di13mila euro, Giuseppe, in tre anni, ha realizzato il suo progetto.

Si chiamaDon Caf. Street art coffee: su una bicicletta con pedalata assistita montato un piano dacciaio con un fornello a gas omologato. Dopo aver sbrigato tutte le pratiche burocratiche ed essersi messo in regola, con il suo bar ambulante il ragazzo prepara il caff proprio come nelle commedie di Eduardo De Filippo:con la cccuma, la caffettiera napoletana, il bricco che veniva utilizzato per la preparazione casalinga del caff non solo a Napoli, ma in tutta Italia, nellOttocento. Dalla seconda met del Novecento la cccuma quasi scomparsa, ma rimasta unicona del passato e della tradizione napoletana del caff.

Giuseppe serve il caff insieme al dolce tipico napoletano:la sfogliatella. il suo riscatto, dopo unadolescenza difficile in un quartiere problematico: Diciamo che quando ai Quartieri vacilli c sempre qualcuno pronto ad approfittarne. Adesso penso a guadagnare e a costruirmi un futuro. A rigare dritto e a conquistare la vita rispettando il prossimo, ha spiegato il giovane imprenditore al Corriere del Mezzogiorno. Gi sto lavorando: giro per le strade di Napoli. Sono un itinerante, una sorpresa:i turisti applaudono a questa idea.In fondo negli Stati Uniti ci sono itruck:questa la stessa cosa, ma in piccolo.